06 Feb 2020

3° Italian Youth Forum: agenda alla mano, ecco i primi appuntamenti che ci aspettano a Parma

Manca poco più di un mese all’inizio del terzo Italian Youth Forum dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO ed è giunto il momento di aprire l’agenda e iniziare a segnarsi i primi appuntamenti. Durante la tre giorni saranno molteplici i momenti di incontro in cui approfondire le tematiche relative al tema della sostenibilità.

Come ogni Forum che si rispetti il grand opening si terrà Venerdì 20 Marzo alle ore 20 all’Auditorium del Carmine in via Duse. Dopo i saluti istituzionali e di benvenuti agli oltre 300 soci e giovani che giungeranno a Parma da parte del Comune e della Regione Emilia-Romagna sarà la volta del Presidente della Commissione Nazionale Italiana dell’UNESCO Franco Bernabè a intervenire per aprire ufficialmente il Forum insieme al Presidente di AIGU Antonio Libonati. A seguire un keynote speaker di primissimo piano a livello internazionale che vi sveleremo nei prossimi giorni.

Ricco di appuntamenti anche Sabato 21 Marzo. Il pomeriggio si aprirà agli Spazi Ipogei dell’Auditorium Paganini di via Toscana con l’evento clou del Forum: la conferenza internazionale sulla sostenibilità. Il tema sarà declinato da esperti e protagonisti del cambiamento globale. Hanno già confermato la propria presenza Stefano Zamagni (Economista, Università di Bologna e Presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali), Mark Williams (Professore di Paleobiologia, Università di Leicester e membro dell’Antropocene Working Group) e Ana Krejcarek (Manager Friends of the High Line New York). Insieme ai tanti esperti che animeranno la discussione intorno al tema, ci saranno anche diverse aziende che hanno deciso di porre il tema al centro della propria azione modificando sistemi produttivi, aumentando l’attenzione per l’economia circolare e ponendosi come parte attiva del cambiamento e del tentativo di migliorare la qualità della vita di tutte le generazioni future.

Sabato sera sarà invece BDC a ospitare l’ultima Ocean Night al termine di un tour che ha toccato tutta Italia organizzato in collaborazione con One Ocean Foundation. Obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare un sempre maggior numero di persone a introdurre nuove abitudini a difesa dell’ambiente, alcune delle quali volte ad evitare la dispersione delle plastiche in mare. La plastica, infatti, costituisce il terzo materiale umano più diffuso sulla terra e si stima che attualmente nell’ambiente siano disperse 6,3 miliardi di tonnellate di plastica, di cui ogni anno 8 milioni finiscono nel mare e negli oceani.

All’interno del Forum infine sarà anche presentato pubblicamente il Manifesto #unite4earth dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, quale impegno concreto per l’attuazione di buone pratiche e sensibilizzazione ai temi dell’Agenda 2030. Un manifesto che vedrà coinvolta la società civile, la comunità scientifica e culturale e le imprese per condividere conoscenze e cooperare a una nuova idea di sviluppo sostenibile che riguardi diversi aspetti della vita quotidiana.