#UNITE4HERITAGE

Futuro Presente

Il progetto si è focalizzato sul patrimonio del futuro, il patrimonio che le giovani generazioni stanno costruendo nel presente, che diverrà il loro lascito per le future generazioni e che contribuirà a costruire i cittadini e il mondo del futuro. A tal fine, si intende promuovere un’ampia riflessione sulle nuove forme d’arte e di espressione e su ciò che le giovani generazioni percepiscono come patrimonio dell’oggi e del domani. Un ampio percorso che li accompagni, anche attraverso il confronto con i patrimoni del passato, verso la consapevolezza del patrimonio che stanno costruendo oggi e che sarà quello del domani: dalla pittura alla street art, dalle mostre fotografiche alle gallerie di immagini digitali, dalla letteratura ai post e tweet sui social, dall’architettura alle scenografie dei videogame o alla modellazione 3D, dalla scultura alla fabbricazione digitale fino alle tecnologie ecosostenibili.

PROGETTI REGIONALI

ABRUZZO: Il Patrimonio ci parla, la Scuola lo racconta

IIS Ovidio di Sulmona| IIS Amedeo D’Aosta, L’Aquila

Descrizione: Le attività hanno messo in rilievo il patrimonio culturale come testimonianza di una storia affascinante e come studio di beni da tutelare e fruire (patrimonio del passato). La scuola lo racconta attraverso una metodologia didattica che prevede l’impiego di strumenti e processi tecnologici e digitali (patrimonio del futuro). L’obiettivo è stato quello di produrre una guida audio-tattile stampata in 3D dell’eremo di Santo spirito a Majella ed una della Basilica di Collemaggio a L’Aquila. Tale progetto si è avvalso della collaborazione di partner esterni.


BASILICATA: FRIDOM Futuro Remoto dell'Identità Odonomastica della città di Matera

Liceo Classico E. Duni|Liceo Artistico C. Levi, Matera

Descrizione: Comunicare ai ragazzi in età scolastica il concetto di “identità culturale” portandoli a comprendere come il loro contributo sia fondamentale per la costruzione della stessa, è stato l’obiettivo primario di questo progetto. Nello specifico le ore dedicate al laboratorio di arte sono state orientate alla ricerca e interpretazione grafica di luoghi della città di Matera che hanno intriso un legame affettivo con gli studenti del Liceo Artistico C.Levi coinvolti. Agli studenti è stato chiesto di disegnare luoghi o elementi architettonici e paesaggistici che identificano degli spazi precisi da loro frequentati. In seguito ai sopralluoghi e alle attività di orienteering svolte nel cuore dei Sassi, gli studenti hanno dato una nuova forma grafica alla mappa della città scegliendo quella della foglia di una malva, pianta tipica della vegetazione spontanea locale. Ogni studente ha poi disegnato i propri luoghi, quelli più vicini cioè alla propria personale sensibilità in relazione agli spazi urbani che abitualmente frequenta. Parole e immagini raccontano l’identità odonomastica della città così come è vista e percepita dai giovani e non solo. F.R.I.D.O.M. è stato un esperimento che è ben riuscito a dimostrare quanto valore è possibile attribuire al luogo inteso come spazio d’incontro con sé stessi e con gli altri.

Il progetto ha tenuto sempre bene a mente che il patrimonio culturale materiale è la base da cui partire per la progettazione di strategie che coinvolgano e appassionino sempre più le comunità che interagiscono nei territori a cui appartengono.


CALABRIA: PinApp 2.0

ITT Panella Vallauri, Reggio Calabria

Descrizione: Promosso dall’allora Comitato Nazionale Giovani Unesco della Calabria, sono stati oltre trenta i ragazzi dell’istituto superiore Panella Vallauri di Reggio Calabria a recarsi presso la Pinacoteca Civica, con professori e accompagnatori del progetto siglato Unesco Edu. Un’esperienza che ha arricchito il bagaglio culturale, non solo dei giovani, ma anche degli accompagnatori. Tante le opere su cui ci si è soffermati e per ognuna di queste i giovani partecipanti al progetto hanno avuto un’idea, un guizzo, la voglia di condividere emozioni e esperienze fatte o da fare insieme. È nei momenti di confronto che ci si sente spinti a dare il meglio e infatti, anche dopo la visita, gli studenti si sono attardati a condividere idee e progetti. La Pinacoteca Civica di Reggio Calabria è stata inaugurata il 26 maggio 2008 proponendo al pubblico opere d’arte prevalentemente di proprietà del Comune di Reggio Calabria.

Avvicinare le giovani generazioni a questo patrimonio significa dar loro l’importante consapevolezza si essere circondati da qualcosa di bello, per cui vale la pena imparare e spendersi. PinApp RC si è concluso con la creazione di una app attraverso cui riuscire a fare una visita multimediale presso la pinacoteca, una sorta di guida turistica virtuale ideata e realizzata dagli stessi studenti e disponibile per tutti coloro che vorranno affrontare una visita culturale in modo tecnologico.


CAMPANIA: Monasteri rupestri in Costa d’Amalfi. Metodi di indagine e tecnologie applicate all’ archeologia e alla storia dell’arte. Conoscere e valorizzare gli angoli nascosti della Costiera

Amalfitana: l’abbazia di S. Maria de Olearia IISS Marini Gioia, Amalfi


EMILIA ROMAGNA: Musica Aumentata

Musica illustrata in realtà aumentata per le strade dell’ Emilia- Romagna

Liceo Scientifico, Musicale e Sportivo Attilio Bertolucci, Parma

Descrizione: Il progetto Musica Aumentata – Musica illustrata in realtà aumentata per le strade di Parma ha avuto come obiettivo quello di rielaborare creativamente il patrimonio musicale della città di Parma con la scelta mirata di valorizzare la musica contemporanea. Il focus del laboratorio è stato quello di lavorare sull’unione di una trilogia di elementi: la musica, l’immagine e la città. Attraverso una riflessione sulla relazione intrinseca tra le due grammatiche della musica e dell’illustrazione i ragazzi, guidati dal fumettista Federico Manzone, hanno realizzato un proprio elaborato ispirato ad un brano musicale di origine parmigiana. Attraverso HP REVEAL, un’applicazione di realtà aumentata che permette di ampliare oggetti e luoghi reali con contenuti multimediali di diversa natura, scaricabile gratuitamente da tutti i dispositivi, i ragazzi hanno “applicato” il loro elaborato su un luogo del centro storico di Parma, legato al brano scelto e al loro disegno.

Il risultato finale è una mappa accessibile a tutti attraverso Google Maps nella quale ogni luogo scelto dai ragazzi è raccontato da un’illustrazione e dal brano musicale ad essa collegato, in modo da permettere a cittadini e turisti di scoprire il centro storico di Parma facendo un inedito percorso animato da illustrazioni e musica. Inoltre, scaricando l’applicazione HP REVEAL sarà possibile fruire i contenuti in modo più interattivo e coinvolgente attraverso la realtà aumentata.


FRIULI – VENEZIA GIULIA: Par gracie di Diu. Per grazia di Dio. 

Il pellegrinaggio religioso nelle terre del Friuli dalla Romea Strata ai percorsi della religiosità popolare.

ISIS Bonaldo Stringher, Udine

Descrizione: Il progetto è nato dalla presa di coscienza del potenziale turistico, oltre che storico-culturale, rappresentato dalle antiche vie di pellegrinaggio che attraversavano la Regione. La recente riscoperta di questi percorsi deve riuscire a coniugare un turismo di nicchia con la consapevolezza dei fondamenti etici alla base di un fenomeno simile, cui gli operatori coinvolti hanno il dovere di dare la giusta considerazione. Gli studenti hanno avuto l’opportunità di proporre idee e piani di sviluppo per valorizzare la Romea Strata, sia organizzando incontri culturali che creando pacchetti turistici dedicati, oltre a diffondere e comunicare le diverse attività su canali di comunicazione e social media.


LAZIO: HERITAGE Production Video-racconti dei patrimoni di domani

Liceo MamianiRoma

Descrizione:Partendo dal fatto che nel 2015 Roma è stata dichiarata Città Creativa UNESCO per il cinema e dalla volontà di sperimentare nuove modalità di comunicare il patrimonio culturale, gli studenti del Liceo Classico Mamiani di Roma si sono cimentati nella realizzazione di un cortometraggio realizzato con i propri smartphone, raccontando il mondo della street art cittadina, da loro indicata come il patrimonio del futuro, attraverso l’uso del linguaggio cinematografico. Partner del progetto sono stati gli studi cinematografici di Cinecittà e il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.


LIGURIA: Dal cibo degli Dei al non cibo

Liceo Vieusseux, Imperia

Descrizione:Il progetto ha previsto la conoscenza del cibo e delle sue qualità: grazie alla creazione di pannelli didattici che rappresenteranno una nuova piramide alimentare che tenga conto delle variabili alimentari di oggi; l’analisi di alimenti dal punto di vista artistico: un viaggio nel cibo a partire dal manifesto della cucina Futurista. La realizzazione di un simbolo artistico del cibo di oggi come memoria futura. L’individuazione di un messaggio pubblicitario atto a stimolare il consumo critico del cibo no una relativa riflessione sui disturbi alimentari dal punto di vista storico -letterario con:

  • la creazione di un webquest che, approfondendo argomenti quali la tradizione alimentare del Mediterraneo e quella legata al territorio ligure con particolare attenzione alla pianta dell’Ulivo, colonna portante della cucina mediterranea, valorizzi la tradizione alimentare del Mediterraneo, operando un confronto tra la dieta mediterranea e il junk food.
  • la produzione di uno storytelling in formato cartaceo e digitale che racconti, anche attraverso le immagini, la storia delle abitudini alimentari del Mediterraneo.
  • un’indagine sui disturbi alimentari degli adolescenti e il rapporto di questi ultimi con il junk food.

LOMBARDIA: la Franzacurta del futuro: tra patrimonio culturale e paesaggio

IIS Lorenzo Gigli, Rovato (BS)


MARCHE: Città in digitale

ITET G.B. Carducci – G.Galilei Fermo

Descrizione: Gli studenti delle classi IV a indirizzo Geometri e Turistico , dopo una prima fase di formazione sui valori UNESCO e sul concetto di patrimonio, hanno intrapreso la scoperta e la sperimentazione delle tecniche più innovative di digitalizzazione dei BBCC grazie a un partner d’eccellenza: l’Università Politecnica delle Marche. “Realtà aumentata” e “fruizione dei modelli via web” sono solo alcune delle tecnologie prese in esame. Il percorso continua con l’esperienza diretta dell’artigianato digitale: con l’ausilio di una stampante 3D, adoperata sotto la guida attenta, professionale e dinamica dell’Associazione Hi-Storia, gli studenti sviluppano e creano dei contenuti audio per una mappa tridimensionale della Piazza del Popolo di Fermo, dotata di sensori e audio- guide. UNIVPM – SpinOff EVE e l’associazione Hi-Storia, sono stati coinvolti nelle vesti di partner.


MOLISE: Circuiti culturali

IPSIA Montenero di Bisaccia (CB)

Descrizione:Il progetto ha permesso di realizzare un prototipo di impianto di illuminazione ecosostenibile per l’Anfiteatro romano di Larino. Il progetto ha coniugato le soluzioni di efficienza energetica più innovative con le esigenze conservative di un’area di grande interesse storico.


PIEMONTE: Langhe: un territorio da vivere

IISS Piera Cillario Ferrero Alba (CN)

Descrizione: Il progetto si è concentrato sul sito UNESCO dei Paesaggi Vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato, riconosciuto nel 2014. Gli studenti hanno studiato il proprio territorio e individuato e selezionato i luoghi, le esperienze, i saper-fare da comprendere in percorsi turistici-escursionistici, realizzandone un video a 360°.


PUGLIA: La tela di Aracne

ITES A. Olivetti (Lecce) e Liceo Scientifico “R. Nuzzi” (Andria)

Descrizione: L’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO ha collaborato con la scuola capofila ITES Olivetti di Lecce in merito al progetto “LA TELA DI ARACNE: dalla musica popolare Taranta e Pizzica alla musica Contemporanea – Strumenti di coesione sociale tra memoria del passato ed identità del futuro".

Il progetto ha voluto candidare un bene immateriale del passato, la musica tradizionale pugliese quale “Pizzica” e “Taranta”, e confrontarlo con la musica contemporanea in vernacolo, destinata ad essere futuro bene immateriale per le prossime generazioni. L’ iniziativa ha coinvolto anche un’ altra scuola in rete, il Liceo Scientifico di “R. Nuzzi” di Andria. Il progetto è stato anche un’occasione per avvicinare gli studenti a metodi di apprendimento innovativi come la realtà virtuale e la realtà aumentata. Gli elaborati finali del progetto consistono in un video report, un video 360°/VR di danza e un giornalino informativo sulle attività, che sono consultabili su sito web:

www.teladiaracnelecceandria.altervista.org

“La Tela di Aracne”, riscontrando grande motivazione da parte delle amministrazioni e dei docenti delle scuole coinvolte e in particolare da parte degli studenti che hanno mostrato notevole interesse sulle tematiche UNESCO, sul rispetto e la consapevolezza delle proprie origini e sulle proprie potenzialità.


SARDEGNA: Future Today

IPSIA Meucci, Cagliari

Descrizione: il progetto ha esplorato il complesso legame tra innovazione e tradizione a partire dalla consapevolezza che non sia possibile flettere sul patrimonio futuro senza avviare un percorso che prenda avvio dalla conoscenza e confronto con il passato. Il progetto si è sviluppato attraverso una strutturazione delle attività orientata al fare, coinvolgendo le cinque realtà legate alla cultura e ai beni patrimonio dell’umanità della Sardegna. I temi relativi alla storia, all’ambiente naturale, alla tutela e alla tradizione del territorio verranno affrontati attraverso l’alternarsi di lezioni, seminari, visite guidate e laboratori finalizzati ad enfatizzare il forte carattere interdisciplinare del progetto. Il progetto ha previsto come elaborato finale l’implementazione di una piattaforma digitale dedicata al patrimonio culturale UNESCO in Sardegna, un luogo di condivisione finalizzato alla conoscenza, fruizione culturale-ambientale del territorio e delle modalità di conservazione e tutela, grazie al supporto della startup isolana Heart of Sardinia.


SICILIA: Dal liberty alla nuova rivoluzione industriale della stampa 3D

Liceo Artistico E. Catalano, Palermo|Liceo Artistico Statale Emilio Greco, Catania.

Descrizione: Il progetto ha preso il via dalla grande stagione del Liberty, periodo della nostra storia recente che ha fortemente segnato la storia di città come Palermo e Catania. Il lascito delle generazioni passate è diventato stimolo ed esempio per la creazione di nuovi processi culturali artistici e produttivi incarnati dai makers e dai Fablab, definendo così un “nuovo artigianato” attraverso i nuovi risvolti produttivi applicati alla stampa 3D. Nella qualità di cittadini attivi e artefici dello sviluppo socio economico della propria terra, gli studenti hanno realizzato prototipi digitali con programmi di modellazione e stampa 3D, ispirati alle linee sinuose del Liberty.


TOSCANA: Costruiamo Patrimoni

Istituto Marchi Forti, Pescia (PT)

Descrizione: Gli studenti sono stati coinvolti attraverso quattordici appuntamenti in una riflessione critica sui patrimoni del passato e i prodotti culturali espressione del presente, al fine di individuare una selezione di realtà, a loro giudizio, di “eccezionale valore universale”; per il loro territorio. A seguito dell’identificazione del Giardino Garzoni di Collodi e del Carnevale di Viareggio come possibili “patrimoni del futuro”, gli studenti sono stati chiamati a svolgere un esercizio di stesura di un dossier di candidatura alla lista del patrimonio mondiale e alla lista del patrimonio culturale immateriale Unesco.


UMBRIA: Carta vs Pixel

ITAS Giordano Bruno, Perugia


VENETO: Eredità di Spazi Futuri

Educandato Agli Angeli, Verona

Descrizione: Il progetto ha permesso di restituire significato a degli spazi e beni comuni individuati, rivitalizzandoli grazie ad azioni di sensibilizzazione e coinvolgimento dei giovani cittadini. Gli studenti, divisi in gruppi sulla base delle proprie inclinazioni e interessi, hanno partecipato a due laboratori paralleli per creare: una sceneggiatura teatrale utilizzando la tecnica dell’attore immersivo, e una scenografia 3D realizzata attraverso tecniche di videomapping. La performance finale interattiva si è svolta nella splendida ex chiesa di Santa Maria in Chiavica (VR).

VDA:PATRIMOINE ENTRE PASSÉ, PRÉSENT ET FUTUR-  Educazione al nostro patrimonio e ai nostri diritti in quanto cittadini

Istituzione scolastica Saint Roch di Aosta (scuola secondaria di primo grado)

Descrizione: Gli studenti delle terze classi della scuola secondaria di primo grado sono stati coinvolti dai cosi del Comitato in due momenti: un momento di presentazione del Comitato e dei suoi membri per permettere agli stessi di scoprire le diverse figure dello stesso e fornirgli un orientamento verso professioni legate all’ambito culturale ed un momento di gioco-laboratorio sulle candidature UNESCO.

CONCOURS CERLOGNE VALLÉE D’AOSTE: Varie istituzioni scolastiche del territorio regionale delle scuole secondarie di primo. Nell’ambito del protocollo di collaborazione tra l’Associazione Giovani per l’UNESCO e la Regione autonoma Valle d’Aosta/Assessorato istruzione e cultura, i membri del comitato valdostano hanno avuto l’onore di essere inserito nella 56esima edizione del “Concours di patois «Abbé Jean-Baptiste Cerlogne »” .  Creato nel 1963 da René Willien, il Concorso è organizzato dal «Bureau régional Ethnologie et Linguistique (BREL) » dell’Assessorato istruzione e cultura in collaborazione con il “Centre d’Études Francoprovençales « René Willien »”, con la finalità di salvaguardare e mettere in risalto la cultura francoprovenzale. Da quest’anno si propone un programma sperimentale specifico per le scuole medie. Gli studenti hanno passato una giornata del 18 alla riserva naturale del Lago di Villa partecipando a laboratori pratici per la realizzazione di creazioni artistiche LandArt con l’associazione Pattalibra, visite alla stessa riserva con spiegazioni a cura della Struttura aree protette e corpo forestale dell’Assessorato dell’Agricoltura e attività didattiche sui patrimoni UNESCO a cura dei membri UNESCOGIOVANIVdA.

Tutta l’attività è stata svolta in francese o nella lingua franco provenzale proprio per promuovere e salvaguardare le tradizioni e la cultura.