#UNITE4EARTH

Ambiente e Paesaggio

Promuovere una cultura di responsabilità e di partecipazione alle tematiche ambientali fin dalle più giovani generazioni, in linea con il programma d’azione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Il programma UNESCO EDU si è concluso in tutte le Regioni con la Giornata Mondiale dell’Ambiente il 5 giugno 2019.

ABRUZZO: Eremitage
Liceo scientifico G.Galilei, Pescara
descrizione: Obiettivo è stato di dare la possibilità ai giovani studenti della città costiera di approfondire l’Abruzzo montano e sviluppare la consapevolezza della presenza di un grande patrimonio in cui paesaggio, architettura, biodiversità, arte e spiritualità si intrecciano. In questa edizione gli studenti si sono occupati della realizzazione della guida audio-tattile stampata in 3D dell’eremo di San Bartolomeo in Legio. Il percorso si è concluso con un messaggio video per la Giornata Mondiale dell’Ambiente dopo aver visitato l’Abbazia Celestiniana di Santo Spirito al Morrore, sede del Parco e del Polo Museale, e il sentiero per l’Eremo di Sant’Onofrio, tra assaggi di erbe officinali e approfondimenti su architettura, biodiversità, paesaggio culturale e sostenibilità ambientale.


EMILIA-ROMAGNA 2018-2019:Progetta la tua città sostenibile
(Giornata Mondiale dell’Ambiente 5 giugno 2019)
Descrizione: Esposizione all’interno della Scuola Media” G. Mazzini”; di Sant’Agata Bolognese (BO) dei progetti e raffigurazioni realizzati dagli alunni della scuola e aventi come tema la città sostenibile.


LAZIO: StopPlastica
Istituto: Liceo scientifico Democrito di Roma
Descrizione:
Abbiamo sensibilizzato gli studenti ai temi delle micro-plastiche, del riciclo e della sostenibilità ambientale grazie ad alcune attività didattiche animate dai ricercatori di Frascati Scienza. Gli studenti hanno, poi, realizzato dei gadget ispirati ai temi trattati, assieme ai creativi del Fab Lab di Mondo Digitale, da esporre alla Notte Europea dei Ricercatori. In occasione della Notte Europea dei Ricercatori le classi hanno partecipato ai Laboratori ricreativi attivati presso il Polo di Frascati, sui temi della bio-economia e della salvaguardia della biodiversità.


LIGURIA: Insieme per un futuro sostenibile


LOMBARDIA: Cine Young


MARCHE: “La diversità come ricchezza”
Istituto scuola secondaria di I grado CPIA di Macerata
descrizione: Il progetto è stato finalizzato alla promozione dei valori interculturali, in quanto fondamentali per la formazione e lo sviluppo di rapporti in una società multietnica e multilingue. Si è trattato il tema della diversità, ed è stato declinato secondo i tre pilastri principali dell’UNESCO: educazione, scienza e cultura. Si sono svolti quattro incontri con una classe 3° composta da studenti adulti, eterogenea per età, provenienza e background culturale, in cui si è parlato di: “patrimonio a confronto”, varietà linguistica e biodiversità. Gli studenti hanno realizzato dei piccoli elaborati in cui hanno espresso le loro riflessioni al termine di ogni incontro.


MOLISE : UNESCO-eco
Descrizione: Il comitato Molise dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO in collaborazione con Legambiente Molise, nella scuola di Palata ha realizzato il progetto denominato UNESCO ECO, un piccolo percorso di educazione ambientale finalizzato ad una formazione sulla biodiversità e sulla tutela del paesaggio. le
lezioni hanno illustrato le interazioni possibili tra tutela del patrimonio culturale e tutela ambientale. La lezioni si sono focalizzate sul valore delle api quali indicatori biologici.


SARDEGNA: Patrimoni in mostra
La Sardegna conta cinque realtà direttamente legate all’UNESCO che ad oggi operano in maniera frammentaria, ottenendo spesso importanti risultati all’interno del proprio programma di riferimento, senza riuscire però ad ampliare prospettive e campi d’azione per l’intera comunità. Il progetto con un approccio bottom up ha spinto i giovani a diventare ambasciatori del proprio territorio, riscoprendo i caratteri di identità culturale. Il progetto era finalizzato inoltre a favorire la
cultura della sostenibilità, in linea con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo coinvolgimento di tutta la società. Le attività di studio e ludico-didattiche sono state finalizzate  alla valorizzazione dei Sardegna attraverso lo studio degli aspetti naturalistico-paesaggistici e storico-culturali.
Lo studio dei patrimoni UNESCO è avvenuto attraverso attività di scientifico guidato da biologi, geologi ed archeologi; durante le visite gli studenti hanno realizzato le fotografie dei siti visitati mettendo in pratica quanto imparato in aula. Alla fine del percorso è stata realizzata una mostra con le foto
realizzate dal titolo “Patrimoni in mostra”.


TOSCANA : Plastc-Art
Descrizione: Attraverso il progetto PLASTIC-ART, realizzato dal Comitato Toscana nell’Istituto Tecnico Statale
“Marchi-Forti” di Pescia, i ragazzi partecipanti hanno potuto acquisire consapevolezza della propria impronta ecologica e conoscere i 17 obiettivi dell'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Inoltre, grazie alla collaborazione con l’eco-designer Giovanni Erbabianca, i ragazzi si sono cimentati nella realizzazione di un’installazione artistica, che riproduce la Nike di Samotracia, utilizzando materiale di riciclo da loro raccolto. Per ricordarci che il problema della plastica è una delle maggiori emergenze ambientali del pianeta e che anche nel nostro quotidiano si può fare la differenza.


UMBRIA: SelfEnvironment


VENETO: Ocean Traceless
Descrizione: Il progetto ha permesso di realizzare incontri formativi con scuole di diverso ordine e grado nel territorio della provincia di Padova. Lo scopo era quello di informare sul problema generale dell’inquinamento plastico negli oceani, per poi mettere in relazione le normali azioni della vita
quotidiana e l’impatto del singolo rispetto all’emergenza plastica, promuovendo buoni stili di vita e abitudini corrette nell’ottica di una promozione della cittadinanza attiva. Il progetto ha visto protagonista Dario Nardi, biologo marino che da anni si occupa della salute di mari e oceani, con
l’affiancamento e supporto di ETRA Padova.


CALABRIA: A.R.M.S. project
Descrizione: In Calabria il progetto ha previsto lo studio e l’analisi dell’arte dei muretti a secco nella Costa Viola. Gli studenti del Liceo Scientifico “E. Fermi” di Bagnara Calabra sono i protagonisti di AR.M.S., che, attraverso una serie di laboratori seminariali, si impegnano alla raccolta di strumenti e dati per la
realizzazione di un’orografia della Costa Viola ed alla rilevazione di metodologie utili al mantenimento dei muretti a secco, patrimonio dell’umanità e simbolo della relazione armoniosa fra uomo e natura. Lo scopo principale del progetto si configura nella sensibilizzazione degli studenti, e non solo, del valore naturale, artistico e antropico dell’area, tramite un’osservazione più attenta e specifica e, nel contempo, più ampia possibile degli oltre 400 km di muretti a secco che percorrono interamente i 45 km di costa dal monte Sant’Elia fino all’imbocco del canale. Lo studio dell’arte dei muretti a secco si apre necessariamente a importanti collegamenti con la storia popolare di quei luoghi, con le tradizioni, gli odori, i profumi e i colori, con le bellezze naturali terrestri e marine, creando così un’area di interesse, un insieme di elementi eterogenei che non possono essere definiti nel loro insieme se non con l’espressione “Costa Viola”.
Il progetto A.R.M.S. ha prodotto come risultato un opuscolo con il materiale raccolto e/o creato dagli studenti e dagli esperti coinvolti.


SICILIA: Ambient’ AMO
I.C Luigi Pirandello di Porto Empledoche (AG)| I.I.S.S. Arena di Sciacca (AG)|I.I.S.S. Galilei Galilei di Canicattì (AG)|I.I.S.S. G.B. Odierna di Palma di montechiaro (AG)|I.P.S.E.O.A. Nicolò Gallo di Agrigento|I.I.S.S. Don Michele Arena di Sciacca (AG)|I.C. Leonardo Da Vinci di Mussumeli (AG)|ID.D. Monti Iblei di Palermo|I.P.S.S.E.O.A. Pietro Rizza di Palermo|C.P.I.A. Palermo 1 di Palermo|I.C. Abba Alighieri di Palermo|A.G. Cesareo di Palermo|I.I.S. Abramo Lincoln di Enna.
Descrizione: Il Laboratorio didattico nasce da una collaborazione con l’UU.SS.RR. Sicilia e si inserisce all’interno del più ampio progetto “Curriculum scolastico per Assi Culturali”. In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile, promulgati dall’Agenda 2030 e in accordo con l’azione programmatica fissata in occasione del II UNESCO Italian Youth forum di Trieste dedicato al rapporto tra scienza e ambiente, il progetto si riproponeva di sensibilizzare i giovani delle scuole di I e II grado nei confronti delle tematiche rivolte alla salvaguardia dell’ambiente, trattando il problema dell’inquinamento globale, del riciclo e del riuso, della diversità del nostro patrimonio, e dell’uso consapevole e sostenibile di questo come risorsa e mezzo di crescita economica e culturale. I laboratori sono stati declinati in accordo agli assi culturali didattici: Linguaggi; Storico sociale; Matematico e Tecnico scientifico.